Archivi categoria: Uncategorized

Un Nobel per 2000 (anzi molti di più)

È finalmente arrivato il Nobel per il bosone di Higgs e il premio è andato a Peter Higgs e François Englert, cioè ai due teorici che per primi ne ipotizzarono l’esistenza circa cinquant’anni fa. Fin qui tutto secondo le previsioni e la vicenda potrebbe mediaticamente concludersi con gli ultimi titoli sulle prime pagine dei giornali. Ma in realtà sembra che qualcosa in noi umani si rifiuti di accettare la realizzazione di ciò che è atteso, probabile e ovvio. Così, all’affievolirsi dei rumori di festeggiamento, è emerso un sostenuto brusio di curiosità e a volte di disappunto perché molti si aspettavano che in qualche modo sarebbe stata premiata anche la ricerca sperimentale svolta al Cern.

Ma il Nobel avrebbe davvero potuto o dovuto essere assegnato diversamente?

La risposta è: dipende.

Intanto chiariamo subito che sarebbe stato davvero impossibile premiare una o due singole persone fra quelle che hanno lavorato al Cern e dunque materialmente “trovato” il bosone di Higgs. I due esperimenti Atlas e CMS, grazie ai quali è stata catturata la particella, hanno coinvolto migliaia di persone. Certo il fatidico 4 luglio 2012 nel quale fu annunciata la scoperta parlarono solo i due fisici che avevano coordinato i loro colleghi, cioè l’italiana Fabiola Gianotti e l’americano Joe Incandela, ma si esprimevano a nome di tutti e presentavano i dati raccolti grazie allo sforzo della loro intera comunità scientifica. Nel caso della Gianotti le speranze di chi la voleva a Stoccolma erano alimentate dalla sua straordinaria personalità e dal fatto che era stata alla guida di Atlas per tutto il tempo della caccia al bosone (mentre Incandela era appena succeduto all’italiano Guido Tonelli). E in più Fabiola Gianotti ha dimostrato negli anni di avere una statura straordinaria diventando un simbolo della ricerca scientifica. Nel suo ruolo di responsabile dell’esperimento Atlas è riuscita nell’incredibile compito di coordinare circa tremila fisici da tutto il mondo garantendo che i lavori procedessero sempre in maniera fluida e senza intoppi. Ha fatto le cose talmente bene che la sua autorità non è mai stata messa in discussione né si sono mai sollevate critiche contro di lei da parte dei suoi collaboratori. Per chi conosce l’ambiente dei fisici, e il loro essere spesso riottosi, si tratta di due autentici miracoli. Se per il Nobel occorresse la dimostrazione di aver compiuto atti sovrannaturali come per la santità, a Fabiola Gianotti sarebbe stato dato d’ufficio. Ma il Nobel richiede altri requisiti.

È evidente che coloro che hanno guidato Atlas e CMS hanno avuto un ruolo importante nella scoperta del bosone, ma altrettanto essenziale è stato il compito di chi ha concepito gli esperimenti, di chi ha trovato le geniali soluzioni tecnologiche per farli funzionare, di chi ne ha guidato la costruzione. A conti fatti si tratta di almeno una ventina di persone, a voler restringere il campo. E le regole del Nobel impongono che i co-premiati possano essere al massimo tre.

Ma c’era un’altra alternativa alla copia “Higgs –  Englert”, molto più percorribile.

Nei giorni immediatamente precedenti all’assegnazione del premio aveva cominciato insistentemente a girare la voce che esso sarebbe stato assegnato ai due teorici e al Cern nel suo insieme. In effetti sembra che il comitato del Nobel abbia seriamente preso in considerazione questa possibilità, stando a quanto dice un membro stesso della Reale Accademia delle Scienze Svedese . Tuttavia essa avrebbe rappresentato un grosso strappo rispetto alla storia del riconoscimento che finora è stato assegnato solo a persone, mai a istituzioni (è avvenuto che fossero premiate delle istituzioni solo nel caso del Premio Nobel per la Pace che però segue procedure diverse). Il cambiamento di rotta sarebbe stato teoricamente possibile e con esso l’Accademia svedese avrebbe preso atto del fatto che la scienza è ormai il risultato di uno sforzo collettivo di molte persone, se non moltissime. Il Cern è il simbolo della scienza globalizzata e offriva l’occasione ideale per rompere con la tradizione del passato, ma così non è stato.

Non c’è dubbio che la scienza è diversa da com’era ai tempi in cui Alfred Nobel inventò il suo riconoscimento e probabilmente oggi è necessario stabilire cosa si premia con il Nobel: se la scoperta più importante fatta da uno scienziato o la scoperta più importante e basta. Le due soluzioni sono entrambe legittime ma per ora a Stoccolma sembrano optare per la prima, e personalmente sono d’accordo con loro. La grandissima forza del Premio Nobel a mio avviso sta nel creare degli eroi: punta il riflettore su degli scienziati assorti nei loro studi e li trasforma in icone, facendo sognare il grande pubblico. Insomma crea dei modelli positivi come la Montalcini, Dulbecco e Higgs che servono da ispirazione per le generazioni successive anche per la particolare vicenda umana di ciascuno. Sarebbe diverso se a essere premiata fosse una istituzione, farebbe battere meno il cuore. 

Dove è Voyager?

Dove è finito Voyager 1? Pochi giorni fa un po’ in sordina è uscita la notizia che la mitica sonda potrebbe aver lasciato il Sistema Solare. Anche se l’annuncio è molto controverso, e la NASA non è d’accordo, mi è sembrata una possibile novità troppo emozionante per non dedicarle almeno un post.

Voyager 1 è una sonda lanciata dalla NASA il 5 settembre del 1977 con lo scopo di esplorare il Sistema Solare e oltre. Per più di 35 anni insomma la sonda ha viaggiato, percorrendo quasi 20 miliardi di chilometri, lasciandosi alle spalle un pianeta che cambia. Già questo mi sembra qualcosa di estremamente romantico. Ma ancora più romantico è il fatto che a bordo di Voyager ci sia un disco d’oro, voluto dall’astrofisico Carl Sagan. Lo scienziato lo concepì nella convinzione che fosse utile corredare la sonda di una sorta di carta d’identità della Terra, qualcosa che potesse raccontare ad eventuali extraterrestri chi siamo. E quali informazioni vennero incise su questo disco? molte. Fra di esse immagini di vita quotidiana, addirittura quelle di un supermercato, oltre che immagini di natura e animali. E poi qualcosa che parlava delle nostre scoperte scientifiche: la doppia elica del DNA, l’immagine di un microscopio, immagini dal nostro Sistema Solare. E 90 minuti di musica. Quale musica? La lista è lunga, e mancano delle pietre miliari. Avrebbero dovuto esserci i Beatles, ma c’è una leggenda che dice che i loro agenti non riuscirono a definire i diritti d’autore. Ci sono brani di Bach, Mozart, Beethoven, ma anche Chuck Berry, un brano Soul, musica dei nativi americani Navajo, musica indiana, giapponese, cinese, africana … L’obiettivo naturalmente era quello di dare agli eventuali extraterrestri una immagine del nostro pianeta e dei suoi abitanti quanto più equilibrata e senza tempo possibile. Ovviamente non ci si riuscì, e a bordo del Voyager si trova ormai il ritratto di un pianeta e di una umanità che personalmente a me suscitano soprattutto tenerezza e nostalgia, e chissà che effetto potranno mai fare ad ET.

Ma torniamo alla domanda iniziale: dove è Voyager in questo momento? difficile dirlo, per il semplice fatto che nessuno ha definito con precisione dove finisce il Sistema Solare. La notizia però è che a rivista Geophysical Review Letters ha appena accettato uno studio di due ricercatori americani i quali affermano che la sonda sarebbe finalmente entrata nello spazio interstellare lo scorso 25 agosto. A partire da quella data infatti gli strumenti a bordo avrebbero registrato un brusco cambiamento nei raggi cosmici con cui viene in contatto, cioè nel flusso di particelle che pervade tutto l’universo ma che ha caratteristiche diverse da un punto all’altro. La NASA però è di tutt’altro avviso: l’agenzia americana infatti sostiene in un comunicato che si potrà affermare che Voyager è uscito dal Sistema Solare solo quando gli strumenti registreranno una inversione del campo magnetico, cosa che per ora non si è ancora verificata. Avanti Voyager, la strada non è ancora finita.

Quando brucia la Città dei sogni

È tanto che manco da questo blog. Più volte negli ultimi mesi mi sono ripromessa di scrivere un post ma i ritmi di lavoro non mi lasciavano pace. Oggi ricomincio con una notizia che non avrei mai voluto dare e che non si può non commentare.

Ieri notte, a Bagnoli, è andato a fuoco un sogno. Un sogno tenace, ostinato, creativo, innovativo, a volte inquieto, ma sempre bellissimo. È bruciata Città della Scienza di Napoli.

Difficile spiegare davvero la sua magia a chi non la ha mai vista. Io ci sono stata molte volte. Di solito prendevo il treno da Roma e scendevo a Campi Flegrei. Poi un breve tragitto in taxi, giusto il tempo per toccare con mano il degrado che si può raggiungere nel nostro Paese. Strade dissestate, edifici tirati su senza grazia né regole e spesso, qua e là, enormi mucchi di spazzatura abbandonata. Poi l’arrivo a Città della Scienza: un sogno nato dal cuore e dalla mente del fisico Vittorio Silvestrini e delle centinaia di persone che vi hanno lavorato a partire dalla fine degli anni ottanta. Entrando nelle “mura” di Città della Scienza si rimaneva subito incantati dall’eleganza dei vecchi edifici industriali di Bagnoli splendidamente ristrutturati per ospitare gli spazi espositivi. E lasciavano senza fiato le gigantesche vetrate dietro alle quali luccicava il mare di Napoli. Un gioiello incastonato nella desolazione, come per altri versi sono gli scavi di Ercolano che si trovano poco distante.

Città della Scienza è e resta nonostante tutto la prova di quello che è possibile fare in Italia. Ho letto sui giornali che era stata costruita su modello de La Villette, a Parigi. Non è vero. Città della Scienza aveva scopi analoghi a quelli de La Villette, ma non modelli: era una struttura originale con un ruolo unico. Non a caso l’avevamo scelta alcuni anni fa come luogo da cui fondare MASAD, una associazione che si propone di incoraggiare il dialogo su temi scientifici fra le due sponde del Mediterraneo, nella convinzione che la scienza è un linguaggio di pace su cui tutti possono confrontarsi, al di là di religioni e ideologie. Al momento della fondazione di MASAD, Città della Scienza aveva già una forte tradizione come creatrice di dialogo. Fra l’altro aveva avuto un ruolo cruciale in una mostra sulla matematica creata in collaborazione fra israeliani e palestinesi. Milioni di visitatori hanno conosciuto la scienza nella sue sale, facendo funzionare strumenti meccanici, giocando con i fluidi o con l’ottica. Le mostre temporanee hanno reso accessibile la ricerca di frontiera, nelle sale per le conferenze si sono succeduti scienziati di primissimo piano. E poi qui sono nati innumerevoli progetti, collaborazioni internazionali, discussioni fra esperti di tutto il mondo sul ruolo della scienza nella società.

Naturalmente, non mancavano le ombre. Come molte istituzioni culturali del nostro sfortunatissimo Paese, anche Città della Scienza funzionava (bene) grazie allo sforzo eroico di chi la mandava avanti: un “esercito di gatti”, anche questo un fenomeno tipicamente italiano. Cioè persone intellettualmente autonome, poco inclini a considerare il lavoro come routine, neppure se si svolge dietro un scrivania sistemata in un ufficio.  Persone preparatissime e motivate, ognuna di grande creatività che davano tutto il possibile, senza avere in cambio neppure la certezza di uno stipendio.

L’emergenza era quotidiana. La Villette, il “modello” come hanno detto i giornali, riceve ogni anno un centinaio di milioni di euro di finanziamento. Il Deutsches Museum di Monaco (un altro “modello”) oltre ad analoghi finanziamenti ha recentemente ricevuto un “extra” di 400 milioni di euro per rinnovarsi. Il direttore della struttura tedesca mi spiegò a suo tempo che in tempi di crisi in Germania si era deciso di risparmiare su tutto tranne che sulla cultura, perché solo la cultura (sia classica che scientifica, se questa divisione ha mai avuto un senso) può consentire di uscire dall’emergenza.. Invece a Napoli, come in altri analoghi musei d’Italia, si lottava e si lotta ogni giorno per cifre centinaia di volte inferiori. Nel nostro Paese, abbiamo una capacità straordinaria di fare le nozze con i fichi secchi.

Non tutto però è andato bruciato ieri notte. Il patrimonio più prezioso di Città della Scienza non è infiammabile e ancora una volta consiste nelle capacità professionali che sono state formate in questi anni. Persone che possono ricostruire ciò che è andato perduto. Perché, come ci insegnano le foreste più antiche, un incendio è anche una opportunità di rinascita. Bisogna però che questa volta i fondi arrivino, e adeguati.

Le urne ci hanno recentemente detto che almeno un quarto di italiani crede ancora una volta in un sogno: quello della democrazia dal basso. Un sogno al quale per ora sembra mancare la concretezza che è essenziale per “fare”. Il problema è che come si è sentito spesso ripetere negli incontri a Città della Scienza, essere cittadini responsabili e in grado di prendere decisioni è faticoso. Per riuscirci bisogna essere informati e conoscere. Per questo negli anni a Bagnoli si erano tenuti innumerevoli dibattiti su temi spinosi come bioetica, staminali, sperimentazione animale, cambiamenti climatici. Mai con lo scopo di convincere, ma sempre con quello di confrontarsi. È qualcosa che non possiamo permetterci di lasciare andare in fumo.

Neutrini superveloci? basta l’intuito

Proprio l’altro ieri, poche ore prima che i neutrini fossero ricacciati nella normalità, un fisico del Cern mi diceva: “Noi scienziati abbiamo una sorta di istinto, prodotto dall’esperienza. Quando viene annunciato un risultato anche se è ancora parziale spesso sappiamo se dobbiamo fidarci o meno, se ci sarà una conferma. Siamo come gli sportivi, che a naso e da pochi palleggi sanno riconoscere se un nuovo giocatore sarà un campione o un brocco. Io personalmente a quella storia dei neutrini superveloci non ci credo, il mio istinto mi dice che c’è un errore. Invece sono convinto che i primi indizi della scoperta dell’Higgs verranno confermati, e quindi che l’Higgs lo abbiamo trovato”. Per ora il suo istinto si è rivelato buono, speriamo che continui così …